IL PRIMO CAVALIERE DELL’APOCALISSE (prima parte)

nov 14, 2016     artuniverse   0 Comment     News

Ad ogni svolta epocale compaiono angeli, profeti, voci fuori dal coro che ne annunciano il cambiamento; ad ogni cambio di paradigma c’è chi, da una diversa prospettiva più lungimirante, ne comprende l’essenza e la trasmette nel linguaggio appropriato al suo tempo.

Profeti di biblica memoria sono i nunzi di un passaggio, Elia, Ezechiele, Giovanni il Battista fino a scomodare essenze aliene al popolo della terra, mediatori tra i mondi, li chiamarono angeli nel significato letterale di inviati, messaggeri già nel dialetto miceneo del quattordicesimo secolo come “akero”; anghelòs in greco, l’angelus latino.
Oggi, come allora, assistiamo al medesimo fenomeno, ma il liguaggio è cambiato.

Da un lato ci sono i cosiddetti “canalizzatori” che fanno “Channeling”, contattisti di tutto un po’, a volte illuminati, spesso cialtroni. Dall’altro troviamo ricercatori, seri studiosi che indagano ogni ramo del sapere, a volte in solitudine, isolati dalla società in quanto scomodi perché destrutturanti; ma, nel caso questi, alla meticolosa preparazione e all’estrema onestà intellettuale, aggiungano una ferrea volontà sorretta da un fisico instancabile e coraggio da leone, allora ci troviamo di fronte a reali innovatori, i veri traghettatori, quelli che chiamiamo “I GUERRIERI DELLA NOTTE”.

Hanno un nome? Non si nascondono, compaiono, incisivi come la tempesta: ovunque tacciati come cospirazionisti, eretici, senza Dio….non sono molti e sparsi in tutto il pianeta, anche in Italia, nazione centrale per quanto obsoleta, nello stereotipo ancora vigente del sacro romano papale impero.
Qui, il nostro uomo ha un nome e si chiama MAURO BIGLINO.

biglinoknightlastMauro Biglino compare in CREATORS – THE PAST quale messaggero di una realtà altra che irrompe pesantemente nella struttura della trama del film, egli presenta se stesso nel personaggio che recita il suo ruolo replicando quello della sua vita reale, di trasformatore e fattore di cambiamento di un paradigma religioso al tramonto e, per fare questo, non può che procedere scardinandone i vecchi e sgangherati tasselli di riferimento…

Mauro Biglino è un personaggio reale, una voce nella notte che tuona come la tromba del giudizio nella proiezione della realtà come nella proiezione del film, perché le due proiezioni coincidono in quanto egualmente reali, cambia solo il linguaggio espressivo.
Da sempre l’essere umano si pone la fondamentale domanda, da dove vengo, dove sto andando? In quanto esisto qualcuno mi ha creato o sono un semplice risultato del caso?

Mauro Biglino, eminente saggista, ricercatore e profondo conoscitore dei testi antichi, compare in questo momento storico improvvisamente dal nulla, e in pochissimo tempo raggiunge la cima delle classifiche editoriali e delle visualizzazioni sul web, diventando rapidamente un caso mediatico; la sua comparsa ha dell’incredibile, come il primo dei quattro cavalieri annuncia l’apocalisse, che nel significato letterale non significa altro che “rivelazione”, sì, la rivelazione di una verità a lungo celata che lui consegna al mondo facendosi strada con la fiammante spada della sua dialettica.

Viene da chiedersi perché un personaggio di spessore così incisivo nel tessuto sociale sia entrato in Creators – The Past, se lui è un personaggio reale, anche il film, può celare una storia vera?
Proprio nel prologo possiamo udire dalla voce stessa di William Shatner “Questo è il tempo della grande rivelazione…” e ancora “Questa è una storia VERA”…

Comments are closed.

Lingua: