LA GUERRA DEGLI DEI

dic 17, 2016     artuniverse   0 Comment     News

Voi, esseri umani di questo pianeta, pensate di essere un prodotto naturale della Terra?

Spiacente deludervi, siete il risultato di un progetto iniziale che è stato concepito da un gruppo composto da diverse famiglie di entità aliene, diverse le une dalle altre, ma, in quanto gruppo, espressione di pensieri, consapevolezze e finalità proprie. Il principale obiettivo era quello di inserire nella realtà umana, e quindi nella genetica terrestre, elementi specifici e retaggi esistenziali diversi tra di loro che, però, rappresentassero le diverse famiglie.

Nella fase iniziale, quindi, era stabilito che proprio tale diversità fosse la garanzia di una sintesi di tutte le possibili caratteristiche presenti nei diversi esseri alieni del gruppo creatore. Nella procreazione non dovevano unirsi anime della stessa famiglia aliena (che poco o nulla di nuovo avrebbero generato a livello di sintesi), ma anime compatibili di gruppi diversi, che avrebbero portato nella discendenza l’affermazione delle loro caratteristiche migliori.

Purtroppo il progetto iniziale fu alterato da fazioni aliene contrarie (tra queste quella degli Elohìm Annunaki).
Prove storiche sostengono che gli dei generarono i semidei, e da costoro nacquero gli eroi della mitologia e della storia. In seguito la loro genetica andò perdendosi mediante generazioni sempre più mescolate con gli umani.
In base alla mitologia e alla storia di tutto il nostro mondo, si accenna spesso al così detto “Periodo d’oro”, il tempo in cui dei e uomini vivevano insieme pacificamente.

In seguito vi furono cruente guerre tra divinità di fazioni opposte e, a un certo punto, tutti gli dei sembrarono scomparire dalla scena terrestre: siamo nel 67 d.C..
Ne parla Giuseppe Flavio nel capitolo VI del suo lavoro “Guerra Giudaica”. Lo storico riporta un fatto verificatosi che generò sconcerto presso le popolazioni interessate; egli afferma che la visione fu talmente miracolosa da essere incredibile, se non fosse stata testimoniata da gran parte della popolazione. Prima del tramonto del sole “si videro in cielo, su tutta la regione, carri da guerra e schiere armate che sbucavano dalle nuvole” e, alla festa di Pentecoste, i sacerdoti che erano entrati nel Tempio per le celebrazioni di rito, sentirono distintamente “una scossa e un colpo” e poi “un insieme di voci che dicevano: “Da questo luogo noi ce ne andiamo”.

creators_anunnakiMa qualcosa di simile accadde anche molto tempo prima….
Nel libro “Cronaca di Akakor” è scritto: “La Cronaca di Akakor comincia nell’ora zero, quando gli dei ci abbandonarono.” A quei tempi Ina, il primo principe degli Ugha Mongulala, decise di far mettere per iscritto tutti gli avvenimenti della vita della nostra gente, “con chiara scrittura e in buona lingua”. “I Primi Maestri arrivarono nel 13.000 a.C., apparvero all’improvviso nel cielo brillanti navi d’oro, e ci rimasero fino al 10.481 a.C., anno della loro partenza.

Ovviamente la partenza di questi dei, non è la partenza degli Elohìm Annunaki del 67 d.C.
Questi Primi Maestri sono una delle fazioni aliene positive, che hanno interagito sulla Terra, mentre quella degli Elohìm Annunaki è negativa.  Le fazioni aliene positive hanno generato il “periodo d’oro” (spirituale), mentre gli Elohìm Annunaki hanno generato il rastrellamento dell’oro in senso materiale.
I primi hanno lasciato un buon ricordo e il desiderio nel popolo di rivederli; andandosene i secondi, hanno alleviato la popolazione dalle loro angherie e dalle loro necessità di sacrifici.

biglino_elohim
Ma chi sono veramete gli Elohìm biblici (Anunnaki per i Sumeri)?
Gli Elohìm Annunaki sono entità aliene che non fanno parte del progetto iniziale. Sono abusivi piombati nel sistema solare dove hanno creato disastri. Giunti sulla Terra, hanno manipolato il genere umano e massacrato la popolazione, imponendo le guerre fratricide in forma sacrificale, hanno istituito la religione quale forma di culto a loro dovuto.

Sono stati cacciati nel 67 dopo Cristo, ma ora c’è da chiedersi: sono tornati tra noi o non se ne sono mai andati e sono ancora qui, anche se in una forma non apparente?
L’intento dell’interferenza aliena al quale assistiamo oggi, sembrerebbe ancora la prosecuzione nel tempo di quel loro piano di creazione mediante manipolazione e ibridazione di un essere umano ideale al pieno asservimento dei loro scopi.

Ma com’è possibile che nessun’altra forma aliena gli si sia opposta?
Spesso ci chiediamo perché ci sia, fin dal progetto iniziale della creazione, “l’oppositore”, quel principio limitante l’infinita bontà e onniscenza dell’Essenza divina: l’Assoluto non dovrebbe avere limite alcuno, ma la creazione procede e si fonda sull’equilibrio dinamico degli opposti.

In tutte le cose troviamo due principi che determinano gli eventi: la luce e l’ombra, il bene e il male, la creazione e la distruzione, come nell’elettricità conosciamo il polo positive e quello negativo. È sempre l’uno e l’altro: tutto ciò che sentiamo come distruttivo lo percepiamo come malvagio, diabolico, mentre quello che ci appare creativo lo definiamo sacro.

I due princìpi si presentano su una scala gerarchica come fazioni riunite in opposti schieramenti, da sempre in lotta fra di loro: sono vaste, piramidali, vere e proprie confederazioni galattiche; in momenti determinanti i Lord comandanti si riuniscono in un Concilio per decretare le sorti dei vari sistemi: ci sono tante creazioni con tanti Creatori, ma dato che, tra ,orte erinascita, la creazione si rinnova, sono soltanto otto I CREATORI che determinano le sorti nell’andamento delle galassie.

Perché proprio otto?
Otto è il numero della rinascita… Avete mai notato che i battisteri hanno otto lati?
Volete capirne di più?
Venite a vedere CREATORS – The Past e ogni segreto vi sarà svelato…

Alba Novaveritas

Comments are closed.

Lingua: